• PALAZZO ROSSO



Palazzo Rosso, così denominato per il colore dei mattoni con cui è stato costruito, fu fatto edificare da Luigi Pizzardi nel 1868. La costruzione originariamente si protendeva nel Navile: l’entrata principale si apriva sul canale dove si può ancora notare un elegante ponticello e il rivellino in mattoni rossi e decorazioni in ferro battuto, mentre sul lato opposto, dove oggi si trova l’ingresso, si trovava il "SOSTEGNO", parzialmente ancora visibile, il sistema di chiuse che permetteva alle barche di continuare nella navigazione sopperendo al dislivello del terreno. L’edificio si sviluppa su tre piani: il piano terra, una volta sede degli uffici; il piano nobile, abitazione del Pizzardi caratterizzato esternamente da ampie finestre ad arco e dall’ampio balcone; il secondo piano, sede delle abitazioni dei dipendenti; infine, nascosto da eleganti decorazioni, si trova un ampio sottotetto, un tempo grande magazzino dove venivano stivati riso e grano dal mulino attiguo. La scalinata d’acceso e il piano nobile sono decorati da splendide pitture murali eseguite da Achille Casanova raffiguranti la flora e la fauna delle vicine zone palustri. Al termine del lungo corridoio si trova la Sala dello Zodiaco; interamente affrescata, la stanza presenta tre diversi livelli decorativi: il livello inferiore, raffigurante la flora e la fauna acquatica; il livello intermedio, decorato con selvaggina e flora palustre; il terzo livello, con i segni dello Zodiaco, da cui deriva il nome della Sala. Nel soffitto sono raffigurate le diverse fasi lunari. Oggi Palazzo Rosso è sede della Biblioteca Comunale, della Sala del Consiglio Comunale e luogo di attività culturali.




  • CASTELLO DI BENTIVOGLIO



Il castello fu fatto costruire da Giovanni II Bentivoglio fra il 1475 e il 1481 di fianco alla Rocca, quest’ultima fatta costruire nel 1390 dal Comune di Bologna con fini strategici: nel torricino vi erano infatti la campana d’allarme e il braciere per le segnalazioni con Bologna e altri luoghi. Il castello fu adibito da Giovanni II a dimora di svago e di caccia, la Domus Jocunditatis, come si leggeva nella decorazione pittorica della corte, per brevi soggiorni e adatta ai divertimenti della corte bentivolesca






  • BENTIVOGLIO PAESE
  • OSPEDALE DI BENTIVOGLIO